Dublino in 3 giorni e cliffs of Moher

Trascorrerai 3 giorni a Dublino e speri di raggiungere le famose cliffs of Moher? Con il mio racconto ti spiego come fare e cosa vedere in città.

Dublino in 3 giorni e cliffs of Moher

Tornavo da un viaggio in Portogallo di circa 10 giorni. Pensai che il modo migliore per non tornare bruscamente alla dura vita di tutti i giorni fosse concedermi un altro breve soggiorno da qualche altra parte. Così acquistai un biglietto aereo economico AerLingus da Faro, in Algarve, sud del Portogallo, a Dublino, per esplorare la città in appena 3 giorni.
Una visita veloce che però mi permise di immergermi nella cultura irlandese, tra pinte di guinness, musica folk e le sospirate cliffs of Moher.

Ecco il mio itinerario, puoi anche saltare al capitolo che ti interessa grazie al seguente menù:

Guida Dublino lonely planet. Acquista su Amazon

Dublino aeroporto – centro

L’aeroporto di Dublino è collegato al centro della città solo da diverse linee di autobus.

Airlink express

E’ il modo più semplice e veloce per raggiungere il centro. Esistono due linee, la 747 e la 757 che sceglierete in base alla posizione del vostro alloggio; molto probabilmente dovrete prendere la 747.
La fermata si trova subito all’uscita dell’aria arrivi e non avrete difficoltà a trovarla.
I biglietti possono essere acquistati alle casse automatiche, dai venditori in prossimità delle fermate o direttamente online, così potrete stampare il biglietto e risparmiare la fila. Il prezzo è di 12€ per un biglietto andata/ritorno.

Giorno 1

Gli alloggi a Dublino non sono particolarmente economici, io prenotai due notti in una camerata da 6 al Times hostel, caratteristico ostello a college street, praticamente in centro.

Per un soggiorno di soli 3 giorni sarà importante dormire in una sistemazione abbastanza centrale.

Il mio volo atterrava a Dublino in mattinata, per cui posato lo zaino in ostello ero appena in tempo per gustare una ricca colazione irlandese in uno dei tanti café.

Trinity college, old library e Book of kells

L’accesso al campus dell’antica e prestigiosa università di Dublino, fondata nel 1592 per volere della regina Elisabetta, è gratuito e potrete passeggiare tranquillamente tra i prati e i viottoli, ammirando dall’esterno gli edifici georgiani che hanno ospitato tra gli altri, Oscar Wilde, Bram Stoker, Jonathan Swift e Samuel Beckett.

E’ consigliabile, comunque, completare l’esperienza con la visita all’antica biblioteca, considerata una delle più belle al mondo, e alla sua Long room, dove insieme ad oltre 250.000 libri, è custodito il Book of Kells.
Il Book of Kells è il più importante tesoro culturale irlandese, un manoscritto realizzato più di 1000 anni fa che racchiude al suo interno una delle più importanti dimostrazioni esistenti al mondo di arte medievale.
Nella sala è ospitata anche la grande e antica arpa in legno Brian Boru, simbolo dell’Irlanda e della birra Guinness.

Statua di Molly Malone

La visita al Trinity vi impegnerà circa un’ora, è ora tempo di spostarsi verso ovest, dove nella nuova collocazione di Suffolk street, difronte l’ufficio del turismo, incroceremo la statua di Mally Malone, secondo la leggenda una ragazza dalla doppia vita, venditrice di cozze e vongole di giorno e prostituta la sera. Giusto il tempo di fare una tastatina portafortuna e via; magari così in futuro riusciremo ad avere più tempo per viaggiare e non saremo costretti a visitare Dublino in soli 3 giorni.

Cattedrale di San Patrizio e cattedrale di Christ Church

Proseguendo verso ovest, ci dirigiamo verso le due cattedrali di Dublino, di San Patrizio e di Christ Church, rispettivamente la più grande e la più antica della città.

La cattedrale di San Patrizio fu costruita a partire dal 1220 su quel che rimaneva di una piccola chiesa in legno che sorgeva nei pressi del pozzo “senza fondo”, dove il Santo patrono d’Irlanda battezzò i fedeli della città. Dopo tante sventure fu restaurata definitivamente nel XIX secolo grazie soprattutto alla generosità di sir Benjamin Guinness.
Da ammirare le vetrate colorate, l’organo con 4000 canne, le tombe di oltre 500 personaggi importanti per la città e un foro presente in una porta in legno massiccio, praticato con una spada, nel 400, dal conte di Kildare per porgere il braccio in segno di fiducia al proprio nemico, il conte di Ormond, che si era rifugiato all’interno.

La cattedrale di Christ Church risale al 1082 e conserva all’interno la più antica costruzione di Dublino, una cripta medievale. Troverete esposto al suo interno, il cuore del patrono di Dublino, Laurence O’Toole e , bizzarre, le mummie di un gatto e di un topo.
Un ponte esterno collega la cattedrale con Dublinia, un museo sulla storia vichinga e medievale della città.

Le due chiese hanno conteso a lungo il ruolo di cattedrale principale della città. Anche voi, con il poco tempo a disposizione, dovrete fare una scelta su quale delle due visitare.

Shopping

E’ quasi ora di cena ma, probabilmente, vi sarà rimasto del tempo da dedicare a qualche acquisto.
La via principale dello shopping a Dublino è Grafton street, strada pedonale che inizia nei pressi del Trinity college e termina, camminando verso sud, all’angolo del parco St. Stephen’s Green. Qui troverete i principali marchi dello shopping.
Io comunque vi consiglio di raggiungere l’altro lato della città, attraversando l’ Ha penny Bridge (il nome è dovuto al pedaggio che si pagava per attraversarlo, mezzo penny) che oltrepassa il fiume cittadino Liffey. Qui, a O’Connor street, troverete alcuni centri commerciali e anche l’economicissimo Penneys (Primark), dove potrete acquistare una t-shirt, magari con qualche simbolo dell’Irlanda.

Temple Bar e The Temple Bar

The Temple bar

Prima di visitare Dublino non avevo ben capito cosa fosse Temple Bar.
Quindi nel caso aveste anche voi questo dubbio.. Temple Bar è il quartiere più famoso di Dublino, pieno di pub tipici, mentre The Temple Bar è il pub più importante e famoso all’interno di questo e che sicuramente avrete già visto in qualche fotografia.
Dovrete recarvi assolutamente qui la sera per respirare l’allegra aria di festa tutta irlandese.
Iniziate cenando con qualche pietanza tipica, come un guinness beef stew, uno spezzatino cotto nella famosa birra.
Quando il vostro stomaco sarà pieno abbastanza sarete pronti per iniziare il tour dei pub di Temple Bar, dove, tra pinte di birra, allegra musica irlandese e coinvolgenti balli, sarete catturati in pieno dallo spirito irlandese; occhio solo a non bere troppo stasera perché domani mattina avete un bus per le cliffs.

Giorno 2

Se trascorrerete solo 3 giorni a Dublino, l’unico modo fattibile per raggiungere le cliffs of Moher è prenotare un posto su uno dei tanti bus organizzati che partono la mattina presto e rientrano la sera. Dovrete attraversare l’Irlanda, dalla costa est a quella ovest, quindi gran parte del tempo della gita lo trascorrerete sul vostro sedile, ma posso assicurarvi che lo spettacolo delle cliffs ripagherà questo sacrificio.

I tour più prenotati sono quelli della compagnia Paddywagon, la cui guida turistica a bordo, vincitrice di parecchi premi per l’originalità, è interpretata direttamente dall’autista.
Questo è il tour che ho prenotato io, potete acquistarlo online e presentarvi direttamente alla fermata il giorno prestabilito.

Oltre alla fermata principale delle cliffs, sono previste sempre anche altre piccole soste per lasciarvi ammirare le bellezze dell’Irlanda. Le fermate più presenti nei vari tour sono nei caratteristici villaggi di Doolin e Galway, quest’ultima famosa anche per la canzone di Ed Sheeran, a Dunguaire Castle e Bunratty Castle e alle “little cliffs”.
Le little cliffs sono delle cliffs of Moher in miniatura che si trovano poco prima di arrivare a destinazione, nella parte costiera del Burren, una regione unica al mondo grazie al suo terreno calcareo che le dà l’aspetto di un paesaggio lunare.

Cliffs of Moher

Le cliffs sono l’attrazione più visitata d’Irlanda e non appena, scesi dall’autobus, il panorama vi si aprirà alla vista, capirete il perché. La maestosità di queste scogliere vi lascerà a bocca aperta, facendovi sentire tanto piccoli e lasciandovi increduli per un po’ a contemplare quel paesaggio così naturalmente straordinario.

Se siete appassionati di Harry Potter, avrete sicuramente già visto queste scogliere in “Harry Potter e il principe mezzosangue”.

Non fatevi spaventare dalla targa di commemorazione in ricordo di chi ha perso la vita qui.
Non fatevi spaventare, ma attenetevi alle raccomandazioni, seguendo il percorso e non azzardando pericolosi selfie in posizioni scomode; stiamo parlando di scogliere a picco sul mare alte più di 200 metri, senza protezioni. Purtroppo sono tantissime le persone cadute giù, non vale la pena rischiare per qualche like in più.

Mamma ho perso l’autobus, Sono rimasto alle cliffs

I vari tour organizzati vi lasceranno, di solito, due ore e mezza circa per esplorare le cliffs.
Un tempo breve per un paradiso così, ma che vi permetterà comunque di godervi lo spettacolo con una breve passeggiata e vi lascerà il tempo per una visita al nuovo centro visitatori ricavato nella roccia (il biglietto d’ingresso è compreso nel prezzo del vostro tour).
Ecco, avrete il tempo per una breve esplorazione, ma non mettetevi in testa di raggiungere Hag’s Head, ovvero la punta meridionale delle cliffs of Moher che si trova al termine di un percorso di circa 5 chilometri.
Non fatelo o altrimenti vi ritroverete, probabilmente, appiedati alle cliffs e domani avete un volo che parte dall’altra parte dell’Irlanda..come accaduto a me


Man mano che mi avvicinavo frettolosamente al parcheggio, conscio di aver fatto tardi, e non scorgevo alcun autobus verde ad aspettarmi, un senso di incredulità mi assaliva; simile a quello che avevo provato qualche ora prima vedendo per la prima volta le cliffs.
Quindi la corsa al centro visitatori, quasi in chiusura, dove l’intera reception si metteva in moto per aiutarmi con un giro di telefonate e semplicemente mi liquidava alla fine con un:”We are sorry”. Almeno scoprii che il simpatico autista del mio autobus mi aveva aspettato invano per quasi un’ora; immagino che a bordo fossero giunti a conclusione che ero caduto giù dalle cliffs.

Girovagavo nel parcheggio in cerca di un passaggio, quantomeno verso est o verso qualche cittadina vicina. Per fortuna feci pena all’autista di uno degli ultimi autobus rimasti, che mi accettò a bordo. Non era diretto a Dublino, ma a metà strada mi affidò ad un suo collega diretto proprio lì con un altro autobus; “God save that man”.
Così la sera riuscii a rientrare trionfalmente nella capitale dopo aver condiviso il viaggio di ritorno con dei simpatici vecchietti.
Ero in ritardo, nonostante tutto, solo di poco più di un’oretta rispetto al programma originale e, quindi, in tempo per trascorrere un’altra notte irlandese tra birra e musica a Temple bar.
Mi fecero compagnia alcuni compagni di stanza dell’ostello dove alloggiavo; ultimamente sono fortunato negli ostelli e mi piace sempre di più soggiornarci. Trascorsi una piacevole notte, con qualcosa di interessante da raccontare ai miei nuovi amici.

La mia attitudine per l’avventura è troppo forte e quindi dovevo per forza aggiungere un pizzico di brio ai miei 3 giorni a Dublino.


Giorno 3

Se anche voi avete il volo di ritorno nel tardo pomeriggio preparatevi perché chiuderete il vostro soggiorno a Dublino col botto, con la visita alla leggendaria fabbrica della Guinness.
Riprendetevi dalla sbornia di ieri con una ricca colazione continentale offerta dall’ostello, salutate i vostri nuovi amici, preparate lo zaino e lasciatelo in reception, lo riprenderete nel pomeriggio; siete pronti ad affrontare l’ultimo vostro giorno nella capitale irlandese.
Acquistate i biglietti d’ingresso online, così salterete la fila, e prima della visita, magari, potrete fare una passeggiata nel verde del non lontano Phoenix park.

Guinness Storehouse

La Guinness storehouse è una delle attrazioni turistiche più visitate d’Irlanda sin da quando ha aperto nel 2000. Il museo è ospitato in un edificio di sette piani che si trova all’interno del St. James’s Gate Brewery, il birrificio dove viene prodotta la famosa birra.

I visitatori potranno osservare il contratto di affitto valido per 9000 anni che Arthur Guinness stipulò nel 1759, scoprire i 4 ingredienti di cui è composta e le tecniche di produzione, la storia della fabbricazione delle botti e quella del trasporto, l’evoluzione della pubblicità e del marketing che nel corso degli anni hanno reso questa birra stout l’emblema della città, garantendo, un tempo, impiego a gran parte della sua popolazione.

Interessanti le esperienze, rispettivamente al secondo e al quarto piano, per imparare a degustare e a spillare la birra Guinness. Infine, incluso nel prezzo del biglietto, gli ospiti potranno degustare una pinta nel gravity bar panoramico all’ultimo piano dell’edificio.

Con questa esperienza si concludono i vostri fantastici 3 giorni a Dublino. Raccogliete i vostri bagagli in ostello e prendete il bus per l’aeroporto

Dublino in 3 giorni: conclusioni

Questa è la mia proposta di itinerario per visitare Dublino in 3 giorni. E’ stato da me stesso sperimentato e ha funzionato. Ovviamente visitare una città in così poco tempo comporta delle rinunce, ma potrete sempre ritornarci per una seconda visita più approfondita

Trovare un volo di andata che atterri in mattinata e uno di ritorno che parta nel tardo pomeriggio, come ho fatto io, sarebbe l’ideale e vi farà guadagnare tanto tempo. In estate il meteo è più clemente, ma ricordatevi che siete pur sempre in Irlanda, quindi inserite sempre nel vostro zaino un piccolo poncho. Per il resto partite leggeri e tornate carichi di ricordi.



Spero che questa guida possa esserti tornata utile per programmare il tuo prossimo viaggio a Dublino. In tal caso, mi farebbe piacere se lasciassi un commento o la condividesti con i tuoi amici 🙂

PS: Hai letto il racconto del mio viaggio low-cost in Lapponia?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...